Eventi
  • Mercoledì 14 Ottobre 2020
  • 13:30 - 14:30
  • Memo
  • Italy Arena - Pad. C5
  • Orazio Spoto Esperto di Comunicazione e Marketing Digitale

Un appuntamento per riflettere sul fatto che “virtuale è reale” e che l’ostilità in Rete ha conseguenze concrete, gravi e permanenti nella vita delle persone. Ma anche nella vita delle aziende, incluse quelle del turismo, basate sulla relazione diretta con il cliente.
Filo conduttore di questo intervento è il Manifesto della comunicazione non ostile*, una carta che elenca 10 princìpi, utili a migliorare lo stile e il comportamento di chi sta in Rete, con l'obiettivo di promuovere una maggiore consapevolezza dell’utilizzo degli strumenti digitali.
Un documento firmato ad oggi da circa 300 Comuni, da diversi Ministri e da David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo e che ha dato origine alla collaborazione con aziende del calibro di Costa Crociere e big player del mondo della telefonia (Asstel, Tim, Vodafone, Wind3, Fastweb, Open Fiber, Retelit) e dei servizi (Sorgenia e Ikea per citarne alcune).

L'intervento si apre con il racconto dell’entità del fenomeno dell’ostilità in Rete, per poi passare ad un'analisi del contesto digitale e degli aspetti che inducono l’uso di linguaggi ostili, giungendo all’analisi del dialogo fra aziende, clienti e viaggiatori.

*Il Manifesto della comunicazione non ostile è stato realizzato nel 2017 da Parole O_Stili, progetto di sensibilizzazione contro la violenza delle parole